Acqua: il PD calpesta la volontà popolare e la nostra amministrazione come la pensa?

acquapubblicavoto[1]

Si chiamava “Legge popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua”. La prima firma era del MoVimento 5 Stelle, quella di Federica Daga, ed era una legge per rispettare una volta per tutte la volontà di 27 milioni di cittadini, coloro che con il referendum del 2011 hanno chiesto che la gestione dell’acqua restasse pubblica.

“Era”, perché di quella volontà non è rimasto nulla. La maggioranza ha tolto l’articolo 6, cuore della legge, lasciando via libera ai privatizzatori, e il M5S ha allora ritirato le firme per non sottoscrivere un simile scempio.

Ma non è stata calpestata solo la volontà dei cittadini: la Camera ha calpestato anche le più elementari regole democratiche. La data per la discussione e il voto sulla legge è stata anticipata e posticipata infinite volte, finché non si è deciso -a sorpresa- di fissarla proprio nel giorno in cui moltissimi parlamentari del M5S sono assenti perché espulsi in precedenza dalla Boldrini. Tra gli assenti c’è anche Federica Daga, relatore di minoranza, e quindi per la prima volta nella storia si discute e si vota una legge senza che il relatore di minoranza possa entrare in aula. Questo per chiarire una volta per tutte in quale considerazione è tenuta l’opposizione nel Parlamento italiano.

Così, l’acqua sarà ri-privatizzata a forza e per esclusiva volontà di governo e maggioranza, come se nulla fosse successo. E se qualcuno lo chiama “regime”, viene anche apostrofato come esagerato e populista.

Fonte: Parlamentari M5S

Chissà invece cosa ne pensa la nostra amministrazione, ed in particolare il sindaco Terreni  su come il PD sta gestendo la volontà popolare.

Anche se non ci dovesse rispondere come spesso accade, noi un idea possiamo provare a farcela, ad esempio facendo un accesso agli atti della A.I.T. ed in particolare ai documenti della Conferenza Territoriale Basso Valdarno, comparto della quale anche il nostro comune fa parte, si possono facilmente riscontrare le decisioni prese dai singoli comuni, ad esempio, quando con la deliberazione 2/2015 si decisero i nuovi corrispettivi, con un aumentati del 2,6% il nostro comune non era rappresentato, facile immaginare che la materia dell’acqua non è molto sentita da queste parti, si ma allora chi se non il sindaco dovrebbe pensare all’interesse di noi cittadini?

ait_presenza

#CIAONEACQUAPUBBLICA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...