[RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO] DEJA-VU

Riceviamo da Comitato NO BIOGAS e pubblichiamo:

A volte pare che il tempo si sia fermato, oppure sembra di tornare indietro di anni. Peccato che poi uno si guarda allo specchio e scopre “comè difficile restare padre quando i figli crescono e le mamme imbiancano”.
Oggi è’ una di quelle volte. A riportare indietro le lancette dell’ orologio sono le dichiarazioni di Paolo Marconcini, ex sindaco di Pontedera e attuale Presidente di Geofor SpA nonchè membro del CDA di Electrawind Srl, la società delle pale eoliche.
Le sue dichiarazioni sembrano un deja-vu di 6 anni fa, quando usò il falso bersaglio della costruzione di un inceneritore per ampliare la discarica. Poi l’inceneritore non fu fatto, ma la discarica fu ampliata. Poi e’ arrivata l’Ecoacciai, poi è arrivato l’impianto di selezione della REVET, poi è arrivato l’impianto per la produzione dei gessi di defecazione, e ora ci vogliono mettere pure un bel gassificatore.
Marconcini dice che la Valutazione d’Impatto ambientale verrà fatta insieme all’ Autorizzazione Integrata Ambientale, dimostrando con questo di non conoscere nè la legge nè il buon senso: la Valutazione d’impatto Ambientale (VIA) e’ una VALUTAZIONE (appunto) preventiva, espressa e motivata, da acquisire PRIMA dell’ autorizzazione finale alla realizzazione di un singolo progetto ed ha come obiettivo la preventiva individuazione degli effetti sull’ ambiente e non mira semplicemente (come l’ AIA) alla riduzione degli impatti inquinanti.
Infatti la VIA si basa su uno Studio d’Impatto Ambientale (che NON è stato presentato) che “individua, descrive e valuta gli effetti negativi diretti e indiretti del progetto sull’ uomo, fauna e flora, matrici ambientali, sulla loro interazione, sui beni materiali e sul patrimonio culturale e contiene la descrizione del progetto, delle principali alternative, delle componenti ambientali soggette a impatto, del cumulo con altri impianti già esistenti e delle misure attivabili per evitare, ridurre o compensare eventuali danni, come ad esempio l’effetto domino che si potrebbe creare nel caso all’ interno del gassificatore (che produce un gas sporco contenente una parte di metano quindi esplosivo) ci fosse un’esplosione, e questa esplosione si propagasse agli edifici e agli impianti vicini, come ad esempio a quello della REVET, che tratta plastica, e la plastica è infiammabile.
La Direttiva Seveso Ter parla chiaro in merito, peccato che Marconcini pare non averla letta.
Altro strafalcione e’ dire che il gassificatore sarebbe “la modifica non sostanziale di un impianto esistente”. Peccato che anche qui il Codice ambientale (e anche la giurisprudenza) dicano diversamente: un raddoppio di capacità, ma anche un incremento delle emissioni di un ordine di grandezza E’ una modifica sostanziale.
Il vecchio impianto di compostaggio NON produce molti degli inquinanti caratteristici delle centrali a biogas come quella che si vuole costruire (notare sempre il prefisso “bio” o “eco” o “green” tutte le volte che ci vogliono dare una fregatura). Quindi la VIA VA FATTA, che a Marconcini piaccia o no.
Forse lui non la vuole perchè sa che un impianto come quello in un contesto simile non sarebbe mai autorizzato, o forse in realtà’ il suo obiettivo e’ un altro e il gassificatore è’ solo uno specchietto per le allodole, ma non potendo saperlo ad oggi dobbiamo riprendere le armi dello studio e della legge e ricominciare a dare battaglia.
Per questo Martedi 21 alle ore 21,30 presso il Poliedro ci sarà un incontro pubblico di presentazione del comitato NO BIOGAS, al quale presenzieranno i consiglieri regionali Giacomo Giannarelli, Irene Galletti ed Enrico Cantone, durante il quale saranno affrontate le criticità dell’ impianto, saranno illustrate alcune delle alternative disponibili e decideremo insieme ai cittadini che vorranno intervenire ed impegnarsi con noi le strategie da mettere in campo.
Vi aspettiamo!

COMITATO NO BIOGAS

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...