i lavoratori non si possono trattare come spazzatura…!

(RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO)
Domani 5 novembre, è prevista una intera giornata di sciopero dei lavoratori dipendenti delle aziende GeEco, ATI ed AVR impegnati nella raccolta dei rifiuti porta a porta e nei principali servizi di igiene ambientale dei comuni della provincia Pisa serviti da Geofor tramite contratti di subappalto.

La protesta nasce da una lunga serie di richieste e rivendicazioni sindacali portate avanti da più sigle in questi ultimi tre anni, che hanno visto dare forma e diffondersi alla raccolta dei rifiuti porta a porta.

La natura del contendere nasce dal principio che Geofor nel momento che decide di affidare in subappalto il servizio, che ogni Comune deve affidargli a meno di prestare il servizio in proprio, può farlo ma per i lavoratori deve essere utilizzato o il contratto UTILITALIA oppure FISE-FEDERAMBIENTE. Per ragioni non del tutto scontate invece, nel bando di gara 61/2019, che il 16 ottobre è stato pubblicato sul sito www.geofor.it, tale circostanza non è prevista, semplicemente si fa riferimento alla possibilità di aggiudicare la gara al miglior offerente.

I lavoratori memori di lunghi periodi di protesta, temono che ancora una volta (perché è già accaduto ndr) nella provincia di Pisa si continui ad utilizzare il CCNL Multiservizi che prevede retribuzioni e livelli ai lavoratori non perfettamente aderenti alle mansioni da loro svolte ma costituirebbe strumento efficacissimo per creare margini di guadagno alle società appaltatrici che i lavoratori non potrebbero più riconoscere come legittimi, innescando quindi periodi di agitazione che porterebbero lunga sofferenza ai cittadini vessati da alte tariffe della TARI e da servizi prestati da lavoratori insoddisfatti.

La speranza è che GEOFOR possa garantire una legittima e corretta applicazione dei principi di equa applicazione dei diritti dei lavoratori .


Il Movimento 5 Stelle da sempre si batte per la giusta retribuzione dei lavoratori e a dimostrarlo c’è la vicenda dei riders che da oggi sono lavoratori come tutti gli altri e non ultimo il disegno di legge che porterà nel nostro paese il salario minimo garantito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.