Quelli tra palco e realtà!

800px-Waterhouse_decameron[1]

Oggi vogliamo cullarvi raccontandovi una novella!

C’era una volta, una ridente cittadina termale, in un giorno di fine secolo i suoi abitanti al suono delle campane, appresero che le terme erano finalmente pubbliche e appartenevano alla comunità, la gestione pubblica garantiva loro, lavoro, benessere e invidia da parte dei paesi vicini.

Da quella giornata, si sono succedute diverse amministrazioni che seppur con i loro alti e bassi gestivano le terme in modo ottimale e soprattutto in nome e per conto dei proprietari ovvero i cittadini, dai paesi vicini e lontani, si veniva alle terme per ristorare corpo e spirito, ma come in tutte le storie che si rispettino, arrivano i cattivi o almeno così sembra, infatti nella legislatura ‘999-”004 ci si dimentica di gestire le terme con l’obbiettivo unico del bene della comunità e si pensa di trasformare la piccola ma funzionale realtà termale in una complessa macchina da guerra, l’amministrazione di turno fa costruire una struttura d’accoglienza che per comodità chiameremo “Villa Borri”, tale operazione oltre a prosciugare le casse comunali, mette in serie difficoltà gli ostelli e le osterie che negli anni erano sorte di pari passo con le terme per dare accoglienza ai tanti viandanti che venivano a godere delle acque curative.

La ridente cittadina accusa il colpo e anche se meno ridente va avanti, cosa mai potrà accadere ancora si domandavano l’un l’altro i cittadini, purtroppo ignorando ciò che si stava preparando.

Infatti come detto le casse comunali languono e il Regio governo di Tuscania interviene portando risorse in cambio di quote sociali e di conseguenza del relativo potere decisionale e i cittadini si ritrovano in minoranza, la loro proprietà termale si riduce al lumicino, oggi hanno ricevuto in dono un bel teatro, ma la commedia che andrà in scena rischia di non essere di loro gradimento!

Localmente si cerca di correre ai ripari, per cercare di non far morire la piccola comunità, che via via si andava spopolando, fino ad arrivare a poche migliaia di cittadini e allora si pensa di fondere le antiche terme, con un vicino borgo medievale con tanto di castello, la speranza è che i nuovi alleati, portino in dote un vero investimento sul turismo, infondo non è da tutti avere un borgo medievale, un castello e addirittura un impianto termale, roba che se lo avessero i Tedeschi ci vivrebbero nei secoli dei secoli!

Ma non sarà così, perché al posto di un serio investimento sulla risorsa turistica, la totalità degli sforzi finanziari dei nuovi alleati vennero dirottati per costruire un mega complesso scolastico, dove giustamente formare al meglio i cittadini in età scolare, ma con una triste prospettiva, infatti una volta terminato il ciclo scolastico, questi essendo privi di prospettive lavorative in loco dovettero emigrare e con tutto il loro bagaglio formativo portarono le loro capacità in altre comunità.

Siamo quasi arrivati alla fine della storia, e come in tutte le novelle che si rispettino sarebbe giusto avere un lieto fine, ma ai noi la storia che vi abbiamo narrato un lieto fine non sembra poterlo avere anche se a noi piacerebbe che finisse così come è cominciata:in un giorno di inizio secolo i suoi abitanti al suono delle campane, appresero che le terme erano finalmente tornate pubbliche e appartenevano alla comunità, la gestione pubblica garantiva loro, lavoro, benessere e invidia da parte dei paesi vicini.”

Annunci

2 risposte a “Quelli tra palco e realtà!

  1. Pingback: [INCHIESTA TERME DI CASCIANA] Visita guidata del complesso termale | M5S Casciana Terme Lari·

  2. Pingback: NIENTE DI NUOVO ALL’ORIZZONTE | M5S Casciana Terme Lari·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...